Presadiretta 15 ottobre 2018

IPERCONNESSI

Quaranta secondi. È il tempo medio di attenzione davanti a uno schermo quando siamo al lavoro. E fuori dall’ufficio, va ancora peggio: saltiamo continuamente da una chat a una foto Instagram, da un post all’altro di Facebook, da un link all’altro.

Siamo in una parola, IPERCONNESSI. Ma cosa sta succedendo alla nostra capacità di comprendere, di ragionare, di memorizzare?

Share

Presadiretta 10 settembre 2018

L’Artico è sotto attacco, e rischia di scomparire. Con quali conseguenze per il nostro pianeta?  Questa estate intere zone del pianeta hanno vissuto condizioni climatiche estreme, incendi, alluvioni, siccità e bombe d’acqua. Dal Giappone alla Scandinavia, Italia compresa. Le telecamere di PresaDiretta hanno potuto seguire lo straordinario lavoro degli scienziati italiani della base artica del Cnr per vedere da vicino gli effetti amplificati del global warming. In Artico infatti, glaciologi, climatologi, fisici dell’atmosfera e chimici, studiano da più di 20 anni il clima che sta drammaticamente cambiando. L’artico non funziona più da regolatore termico e la temperatura ormai aumenta alla velocità di 3 gradi ogni 10 anni. Come mai dalla Conferenza sul clima di Parigi del 2015, dove 195 paesi hanno siglato un accordo vincolante per limitare l’aumento della temperatura sotto i 2 gradi centigradi a oggi, la temperatura del pianeta continua ad aumentare? Cosa c’è che non va in quell’Accordo?

Share

Presadiretta 03 settembre 2018

Stato

macolo

Questa puntata di PresaDiretta è dedicata all’acqua potabile, una risorsa fondamentale, un bene comune oggi  a rischio. In Italia se ne spreca ancora troppa, più del 41% dell’acqua potabile si perde a causa delle reti idriche colabrodo. PresaDiretta ha attraversato l’Italia da nord a sud, raccontando le criticità di regioni come la Calabria, ma anche gli esempi virtuosi di grandi e piccole amministrazioni che grazie alla ricerca  scientifica e alle innovazioni tecnologiche, gestiscono l’intero ciclo dell’acqua senza perderne neanche una goccia. L’acqua e la sua gestione sono al secondo punto del Contratto di Governo, in cui si dice che  il servizio integrato deve essere pubblico applicando la volontà popolare espressa nel referendum del 2011.
Ma come tornare all’acqua pubblica? Quanti investimenti saranno necessari e dove trovare i soldi?
PresaDiretta ha raccolto le proposte e le idee delle forze politiche e la testimonianza del nuovo  ministro dell’Ambiente Sergio Costa.


Share